Prodotti, Attrezzature e Metodi
per la Cura dell'Auto
FAQ Sul motore: lavaggio e conservazione
Le Domande scritte in NERO riguardano argomenti di carattere Generale
Le Domande scritte in BLU riguardano applicazioni più specificamente Professionali
R: Il lavaggio del motore di un autoveicolo determina il rilascio di una quantità di olii, grassi ed altre sostanze inquinanti che, secondo le normative vigenti devono essere trattate con sistemi di depurazione prima dello scarico nella rete fognaria. Comunque tali sostanze non devono mai essere rilasciate, né prima né dopo il trattamento, in acqua libera. Il problema non sta nella "biodegradabilità", come la si chiamava una volta, dei prodotti impiegati per lavare i motori, ma nel fatto che questi distaccano, incorporano e quindi portano negli scarichi gli olii, i grassi e quant'altro rende "sporco" un motore.
Di fatto, un prodotto che rispetta le normative vigenti, come il nostro "Lavamotore N°35" o il "Decerante per cololymero N°36A", non ha indicazioni contrarie all'utilizzo come detergente, tanto che si tratta in entrambi i casi di prodotti diluibili in acqua. Inoltre, le "Schede di Sicurezza a norma CEE" relative ad ogni prodotto lo certificano ulteriormente.
Siamo spiacenti di dover affermare quindi, che il privato cittadino, non dotato di un adeguato impianto di depurazione delle acque specifico per il lavaggio dei motori, non può lavare il motore della sua auto: deve rivolgersi a strutture dotate di questa attrezzatura.
R: Nel nostro modo di vedere l'estetica dell'auto, il "vano motere" e non semplicemente il motore, hanno un posto di rilievo. Quante volte capita ai professionisti dell'auto di ricevere un teorico Cliente che, si vede chiaramente, non capisce nulla di motori, ma chiede di aprire il cofano!! Ed il vano motore deve essere impeccabile, come tutto il resto. Per lavare il vano motore, suggeriamo di iniziare nebulizzando il nostro "Rimuovi catrame N°08" su tutte le parti in cui il grasso sia visibile e cospicuo, compreso il sotto-cofano; gli si lascerà un poco più di tempo per agire. Quindi si nebulizza o si applica a pennello (meglio) il "Disossidante per cerchioni e lega leggera N°06A" su tutte le parti in alluminio e lamiera zincata; é possibile nebulizzarlo e poi spennellarlo, ma questa operazione è indispensabile per smuovere l'ossidazione. A questo punto, se dobbiamo lavare tutto l'autoveicolo, è meglio passare alle ruote ed ai passaruote esattamente con lo stesso prodotto, consentendogli il tempo di agire compiutamente dove lo abbiamo già applicato. Dopo questi 5 - 10 minuti, nebulizziamo su tutto il vano motore il nostro "Lavamotore N°35" o il "Decerante per cololymero N°36A" opportunamente diluiti con acqua e li lasciamo agire 5 - 10 minuti. Nel frattempo è un'ottima idea quella di fare uno shampoo a tutte le parti in lamiera verniciata del vano motore: diventeranno certamente più belle a vedersi perchè l'azione meccanica della spugna riesce a fare miracoli. Solo a questo punto possiamo prendere l'idropulitrice (meglio se a caldo, ma non a 100°C!!) ed effettuare un accurato risciacquo facendo molta attenzione a non colpire troppo da vicino eventuali manicotti in carta che potrebbero rovinarsi, le ormai onnipresenti centraline ed i connettori. Dopo il risciacquo è consigliabile asciugare il motore con un getto d'aria compressa per eliminare l'acqua depositata nei diversi interstizi e quindi mettere in moto il motore per completare l'asciugatura: normalmente lo si può spegnere quando la ventola si mette in funzione. Quando poi sia nuovamente freddo, il miglior "tocco finale" è l'applicazione della "Lacca protettiva per motori N°07" ad effetto brillante o della "Cera anti corrosione per motori N°41" ad effetto opaco: un vero tocco di classe!
R: Le componenti elettroniche sono sempre più numerose nel vano motore dei veicoli moderni e fortunatamente con il passare del tempo stanno diventando più affidabili. Ciò non vuol dire che siano indistruttibili, anzi. Così è evidente che in occasione del lavaggio del motore sia necessario porre un poco di attenzione in più proprio su questi particolari. Va detto che si tratta comunque di sistemi studiati e realizzati per "vivere" in un ambiente difficile: caldo torrido e polvere d'estate, pioggia e fango in primavera e autunno, ghiaccio e sale d'inverno. Il vero problema durante il lavaggio è la pressione con cui si risciacquano con l'idropulitrice: bisogna rimanere lontani per non forzare l'infiltrazione dell'acqua al loro interno. Meglio doverli rifinire con una piccola operazione manuale piuttosto che affrontare problemi più seri.
R: Per disossidare le parti in alluminio e in lega leggera del motore, ma anche per ravvivare le lamiere zincate che presentino attacchi di ossidazione, si può usare con successo il nostro "Disossidante per cerchioni e lega leggera N°06A", che nonostante sia nato specificamente per i cerchi in lega, può operare attivamente anche sulle parti elencate. Questo prodotto si applica sia tramite un nebulizzatore che, meglio, tramite un pennello dalle setole dure. È necessario infatti smuovere l'ossido per permettere al prodotto di lavorare in profondità. Dopo alcuni minuti è necessario risciacquare, meglio se con acqua in pressione.
R: Nella nostra gamma esistono almeno due prodotti specifici per la protezione del motore e delle parti elettriche:
La "Lacca protettiva per motori N°07" che applica una pellicola trasparente lucida, insensibile alla temperatura del motore. Questa pellicola trasparente protegge sia le parti in metallo che l'impianto elettrico e nel contempo rende estremamente gradevole l'aspetto del motore. Visto il risalto esteticho che genera, noi riteniamo che sia più indicata per le autovetture "piccole" nelle quali può essere molto gradevole esaltare questo aspetto.
La "Cera anti corrosione per motori N°41" che protegge metallo e parti elettriche (in alcune regioni europee è stata utilizzata con successo per allontanre i roditori dai manicotti del motore) ma lascia nel contempo un aspetto opaco molto simile a quello dei veicoli nuovi. Anche in questo caso non si screpola e non si deteriora con il calore del motore.
Entrambi i prodotti si applicano tramite un nebulizzatore ed hanno tempi di asciugatura da rispettare prima di avviare il motore.
R: Generalmente non è necessario scollegare la batteria prima di lavare il motore, anche se in talune situazioni sarebbe meglio farlo per evitare eventuali corto circuiti nel momento in cui si risciacqua con l'idropulitrice. Molte auto di recente fabbricazione non hanno più la batteria posizionata nel vano motore e sempre più spesso le case automobilistiche raccomandano di NON scollegare mai la batteria: ci risulta infatti che su alcune vetture potrebbero addirittura danneggiarsi le centraline se si dovesse scaricare completamente la batteria. Meglio non rischiare!
Copyright 2013 Sistemax. Tutti i diritti sono riservati. - P.IVA: 02417690043 - Web Designer: www.castydesign.com - Site Map - FAQ & Help - Privacy Plicy
Valid XHTML 1.0 Transitional
Logo Facebook
Logo Facebook